Randonnée Città di Morolo: il 9 maggio un viaggio tra i colli ciociari e le pianure pontine

Una veduta panoramica della città di Morolo, nel cuore della Ciociaria (foto: Randonnée Città di Morolo)

Un viaggio tra mare e montagna, tra colli ciociari e pianure pontine. La Randonnée Città di Morolo, organizzata dall’ASD Anagni Ciclismo, è un’esperienza meravigliosa e assolutamente da provare. Quando vedi una vetta confondersi col cielo, o un tramonto incorniciato con uno sfondo di colori e sfumature il tuo animo da randonneur prende il sopravvento e non puoi fare a meno di spezzare per un attimo il ritmo, premere la leva del freno e scattare una fotografia?
Chiunque abbia inforcato qualsiasi tipo di bicicletta sa cosa significa raggiungere un obbiettivo solamente grazie a se stessi e con le proprie forze. Prima edizione di una Randonnée che guarda non solo alla parte atletica ma anche alla valorizzazione del territorio. Leggendo il diario del viaggio ci rendiamo conto effettivamente della storia e delle bellezze straordinarie che solo in bici possiamo apprezzare.

Randonnée Città di Morolo: il viaggio inizia dai Monti Lepini

Morolo, arrampicato sui Monti Lepini, si divide in 2 parti: una più antica, che occupa la zona più alta del colle intorno al castello Colonna, e l’altra si trova più in basso. Questa divisione si denota anche dal diverso nome degli abitanti. Si chiamano “Castellani” i primi e “Daballeri” i secondi.
Il paese merita una passeggiata, infatti, il centro storico, si snoda tra un dedalo di vicoletti, scalinate e piccole piazzette. Inoltre, tratti di antiche mura megalitiche sono presenti in contrada Casali. Vi sono anche fondamenta di ville romane, con i reperti rinvenuti nelle contrade Cona; Colle della Corte, Fontana del Muriglio e Madonna del Piano fino all’epoca imperiale.
Sono noti i suoi “murales”; che decorano le facciate di numerosi edifici, dedicati al tema dell’emigrazione. Anche del buon cibo e belle manifestazioni non mancano. Abbiamo ad esempio la sagra della Polenta che si tiene il 17 gennaio o domenica successiva. Nei ristoranti e trattorie locali si possono assaggiare, la Polenta locale, gli gnocchetti con funghi, o le famose cime calate. Vi aspettiamo e che “il viaggio abbia inizio”