Contador è una maschera di sangue dopo una caduta in Cina. «Tutto a posto»

Alberto Contador è una maschera di sangue dopo la caduta in Cina
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ha postato il suo occhio nero e due parole: «Tutto ok». Ma Alberto Contador, il fuoriclasse spagnolo, ha rischiato grosso in Cina, durante una manifestazione cicloturistica a Pechino organizzata dalla Vuelta. Davanti a lui si sono arrotati, sono caduti, lui ha provato a saltarli ma niente. «Oggi mi è toccato provare l’asfalto. Vi faccio vedere com’è stata la caduta e anche il dopo. Vi avviso che le immagini sono abbastanza forti. Ve le mostro perché già sono state diffuse sui social. Voglio trasmettere soprattutto tranquillità. In faccia avevo moltissimo sangue per il taglio al sopracciglio e questo (mostra lo zigomo, ndr). I medici hanno fatto un grandissimo lavoro anche perché sembrava una cosa più grave. Invece fortunatamente è stato solo questo. Una cosa che fa impressione però non è nulla di grave. Ora andrò in aeroporto, già sono in hotel, poi a casa. Ciao ciao».