Corsa per Haiti 2022, salite e passi: da Tarcento si fa dura! Spazio anche alle gravel

Uno scatto d'archivio dalla Corsa per Haiti di Cividale del Friuli
Tempo di lettura: 2 minuti

La Corsa per Haiti 2022, classica gran fondo primaverile organizzata a Cividale del Friuli ha lo scopo principale di contribuire a provvedere, attraverso gli introiti dell’evento, al sostentamento concreto al sofferente popolo haitiano. Quella in programma domenica 15 maggio sarà la ventinovesima edizione . Scatterà alle ore 8.30 da via Perusini e – come di consueto – proporrà due percorsi, entrambi nelle valli del Torre e del Natisone, con la facoltà, per ogni partecipante,  di scegliere liberamente quello a lui più confacente anche nel corso di svolgimento della prova. Il “lungo” si svilupperà su 155,8 chilometri, la distanza del “corto” sarà di 106,2 chilometri. Il dislivello totale, rispettivamente, di 2.300 e 1.500 metri.

Corsa per Haiti 2022: la prima parte è tranquilla, ma da Tarcento si salvi chi può!

La prima parte del tracciato sarà molto agevole, pur se non mancheranno diverse ondulazioni. La sola vera salita che dovrà essere affrontata è quella del Monte Brischis, peraltro brevissima, con lo scollinamento a non più di 293 metri. Dopo un primo passaggio a Cividale, si arriverà a Tarcento e da lì inizierà la fase più difficile. Mancheranno 74 chilometri al traguardo e le tre importanti salite da superare daranno sicuramente filo da torcere ai partecipanti. La prima, quella di Monteaperta (630 metri), sarà affrontata agevolmente perché ha un dislivello modesto (304 metri da Vedronza) e con i suoi 7 chilometri presenta una pendenza media del 4,3%.

La discesa verso Attimis verrà interrotta alla fine dal dentello del Passo di Monte Croce (256 metri), una risalita di un chilometro, ma poi si dovrà sfidare la temuta ascesa di Porzùs (906 metri), ricca di tornanti, 12 chilometri abbondanti al 5,7% di pendenza media ma con punte sino al 16% sull’ormai famoso Muro di Porzùs.

A 19 chilometri dall’arrivo inizierà l’ultima salita, quella di Valle di Soffumbergo (684 metri), poco più di 6 chilometri con pendenza media di tutto rispetto (7,7%) e diversi passaggi oltre il 10%. Molti ripida anche la discesa su Campeglio, infine una manciata di chilometri di pianura per arrivare a Cividale del Friuli. Per i concorrenti del “corto” le salite saranno soltanto due: Monte Brischis e Porzùs.

Nel programma predisposto da Help Haiti c’è lo spazio anche per un evento Gravel (scelta tra due percorsi, sia sabato 14 che domenica 15) ed una cicloturistica (domenica 15, due itinerari, 77 e 105 chilometri).

Le informazioni e i link per l’iscrizione (65 euro online sino all’11 maggio, sul posto 80 euro) sono disponibili sul sito web www.helphaiti.it.

Informazioni: tel. 0432.529.011 e 348.260.1680 (ore 9-12 e 15-19), info@helphaiti.it