Conclusa la nona edizione della Gran Fondo Stelvio Santini: tanti gli stranieri a Bormio

Atleti impegnati al Passo del Mortirolo (Foto. Tiziano Ballabio)
Tempo di lettura: 2 minuti

La Gran Fondo Stelvio Santini 2021 ha richiamato a Bormio oltre 1.187 amatori che hanno dato vita a una competizione combattuta e, come sempre, emozionante.

«Anche quest’anno, nonostante le difficoltà del momento, abbiamo registrato un alto interesse da parte degli stranieri – commenta Mario Zangrando che con la US Bormiese organizza la manifestazione valtellinese. – Alle griglie di partenza c’erano infatti tantissimi stranieri in rappresentanza di 54 nazioni e questo indica quanto la Gran Fondo e la bellezza dei luoghi nei quali si corre continuino ad esercitare una forte attrattiva sugli appassionati delle due ruote. Il desiderio di vivere le emozioni della salita al Passo dello Stelvio ha vinto sulla paura».

La partenza della Gran Fondo Stelvio Santini (Foto. Tiziano Ballabio)

In griglia di partenza della Gran Fondo anche ospiti come Jacopo Mosca e Letizia Paternoster del Team Trek-Segafredo, Giulio Molinari e Alessandro Vanotti. Gli atleti al via saranno naturalmente fuori classifica come da regolamento.

Il podio della Gran Fondo Stelvio Santini 2021

L’edizione 2021 ha confermato il format di classifiche introdotto nel 2017 che premia i migliori grimpeur, ovvero i King e Queen of the Mountain. Premiati tutti i primi classificati uomini e donne di ciascuna categoria.

Enrico Zen e Martina Trevisiol hanno fatto segnare il miglior crono sommato sulle salite di Teglio, Mortirolo e Stelvio del percorso Lungo.

Andrea Pontalto e Doris De Rooij hanno fatto segnare il miglior crono sommato sulle salite di Teglio e Stelvio del percorso Medio.

Denis Taccola e Alessandra Nazzari hanno fatto segnare il miglior crono sulla salita dello Stelvio del percorso Corto.

Enrico Zen che si è aggiudicato la maglia Retelit come Re della montagna dopo aver fatto segnare il miglior tempo sulla prima salita di Teglio chiudendo i quasi 5 chilometri di scalata in 15:25.557. Il suo alter ego femminile è stata Martina Trevisiol del Eurobike ASD  che ha fermato il cronometro in 18:52.820.

La maglia come miglior scalatore del Mortirolo – brandizzata Trek – è andata sulle spalle di Andrea Prandi che ha percorso i 1.200 metri di dislivello in 49:08.812, traguardo del Mortirolo conquistato tra le donne ancora da Martina Trevisiol del team Eurobike ASD con il tempo di 58:46.809.

Sulla terza e ultima salita, quella dello Stelvio, è stato incoronato Re Denis Taccola, mentre la regina è stata Christina Rausch con i tempi, rispettivamente, di 01:09:28.559 e 01:21:52.322.

Le classifiche generali e di categoria sono disponibili sul sito web: www.winningtime.it