L’evoluzione delle fasce cardio: dal torace al polso

Tempo di lettura: 2 minuti

Le fasce cardio sono strumenti essenziali per atleti e appassionati di fitness che desiderano monitorare accuratamente i loro parametri vitali durante l’allenamento. Tradizionalmente, queste fasce venivano indossate sul torace, offrendo una misurazione precisa della frequenza cardiaca grazie alla vicinanza al cuore. Tuttavia, l’innovazione tecnologica ha portato alla nascita di nuove soluzioni, come le fasce da polso, che stanno guadagnando sempre più popolarità, soprattutto tra gli atleti supportati da Wahoo.

Sempre più atleti, sia professionisti che amatoriali, stanno optando per le fasce da polso anziché per le classiche fasce da torace. Questa preferenza è dovuta a diversi fattori: innanzitutto, le fasce da polso sono generalmente più comode da indossare rispetto alle fasce da torace, che possono risultare restrittive o scomode, soprattutto durante allenamenti intensi o di lunga durata. Inoltre, le fasce da polso sono semplici da mettere e togliere, non richiedono regolazioni complesse e possono essere indossate come un normale orologio. Infine, le moderne fasce da polso utilizzano sensori ottici avanzati per rilevare la frequenza cardiaca, offrendo una precisione simile a quella delle fasce da torace ma con maggiore comfort.

Un esempio di queste nuove tecnologie è il Tickr Fit, un dispositivo avanzato che sta rivoluzionando il modo in cui gli atleti monitorano i loro parametri vitali. Il Tickr Fit misura la frequenza cardiaca, il consumo calorico e la durata dell’allenamento in tempo reale, utilizzando l’app Wahoo Fitness. Questi dati possono essere inviati anche a numerose app di terze parti, come Zwift, The Sufferfest, Peloton, Runkeeper e MapMyRun, permettendo un monitoraggio dettagliato e integrato dell’allenamento.

Fasce cardio

Il Tickr Fit è dotato di una spia led che segnala lo stato della connessione tramite Bluetooth e/o ANT+, facilitando il monitoraggio in tempo reale. La tecnologia Dual Band ANT+ e Bluetooth permette la connessione wireless con smartphone, orologi e computer da bicicletta dotati di gps, offrendo una compatibilità estesa e facilitando l’integrazione con vari dispositivi.

Uno degli aspetti distintivi del Tickr Fit è l’uso della tecnologia di rilevazione a fibra ottica sul polso. Questa tecnologia, nota anche come fotopletismografia (PPG), utilizza sensori ottici per rilevare le variazioni nel flusso sanguigno attraverso la pelle. I LED emettono luce sulla pelle, e i fotodiodi rilevano la luce riflessa dai vasi sanguigni. Le variazioni nella riflettanza della luce corrispondono ai battiti cardiaci, permettendo una misurazione precisa e non invasiva della frequenza cardiaca.

La tecnologia a fibra ottica è non invasiva e confortevole, poiché la misurazione avviene attraverso la pelle, rendendo il dispositivo comodo da indossare. Mantiene letture accurate anche durante attività fisiche intense e permette un monitoraggio continuo della frequenza cardiaca, ideale per l’analisi delle prestazioni e del recupero.