Visit Brescia, tutti i percorsi cicloturistici con la ciclopedonale del Garda

Visit Brescia, tutti i percorsi cicloturistici con la ciclopedonale del Garda
Tempo di lettura: 4 minuti

La provincia di Brescia è ricchissima di percorsi cicloturistici. E soprattutto di tranquille e isolate piste ciclabili, che si snodano dalle sponde dei laghi prealpini (Garda, Iseo e Idro) ai monti della Valle Camonica, che culminano con Pontedilegno e il Passo del Tonale, della Valle Sabbia e della Val Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta alla pianura solcata dal fiume Oglio. E in queste diverse centinaia di itinerari privilegiati di Visit Brescia per gli amanti delle due ruote abbondano i Bike Park, tracciati per praticare in bici le specialità più … adrenaliniche, e le strutture ricettive bike friendly..

Ciclopedonale del Garda, la passerella più spettacolare d’Europa – La Ciclopedonale sospesa del Garda è considerata la passerella più spettacolare d’Europa. E’ brevissima (2 chilometri lungo la sponda occidentale del Benaco) ma offre un panorama mozzafiato e soprattutto può essere percorsa in totale sicurezza da tutti, comprese le famiglie con bambini. Va da Limone sul Garda al confine di Riva del Garda, la velocità massima è fissata in 10 chilometri orari. La passerella è percorribile anche di sera, grazie a una suggestiva illuminazione a led.

Visit Brescia: tutte le proposte per la stagione 2022

La Ciclovia dell’Oglio, la più bella d’Italia – Con i suoi 282 chilometri di sviluppo (220 dei quali in provincia di Brescia) e ben 1.862 metri di dislivello totale, la Ciclovia dell’Oglio è stata eletta nel 2019 la ciclabile più bella d’Italia agli Italian Green Road Awards 2019. Sale dalle rive del Po ai 1.883 metri del Passo del Tonale e naturalmente può essere percorsa in entrambi i sensi. La parte iniziale si snoda nella pianura bresciana, poi la ciclabile si insinua tra i vigneti della Franciacorta, costeggia il Lago d’Iseo e transita nell’area delle Incisioni rupestri della Val Camonica prima di raggiungere Pontedilegno ed infine il Tonale, uno dei più famosi passi alpini. Spettacolare il troncone Vello-Toline, antica litoranea del lago d’Iseo oggi riqualificata, con 5 chilometri emozionanti, a strapiombo sulle acque del Sebino. Per conoscerne il percorso, è disponibile online la brochure “In bici luglio il fiume Oglio”(https://issuu.com/visitbrescia/docs/bici-fiume-oglio-brescia).

La Greenway delle Valli Resilienti – Con centinaia di chilometri tra piste ciclabili, itinerari anulari e percorsi su strada e per mountain bike, la Greenway delle Valli Resilienti è un autentico paradiso per gli appassionati di cicloturismo. E’ un grande ci circuito ciclanile nel cuore delle Prealpi bresciane fra la Val Trompia e la Valle Sabbia, che collega con Brescia. La Greenway delle Valli Resilienti tocca molti punti di interesse storico, culturale, naturalistico, enogastronomico ed è supportato da oltre 20 strutture ricettive bike friendly con possibilità di noleggio e riparazione biciclette Tra i più impegnativi e più affascinanti c’è il Giro del Crinale, con partenza dal Passo Maniva e passaggio dalla città di Brescia. Tutte le informazioni per programmare il proprio viaggio sul sito www.greenwayvalliresilienti.it/it/ .

Le vigne della Franciacorta e della Valtenesi – In Franciacorta si pedala su e giù tra le colline coltivate a vigneti, la campagna ed antichi borghi. Gli itinerari, ondulati ma alla portata di tutti, sono scaricabili dal sito www.franciacorta.wine/it/territorio/escursioni/. Ogni percorso ha un nome, ispirato al tipo di vino prodotto in questa suggestiva micro regione: il Stèn, il Pas Dosé, il Brut, il Rosé, l’Extra Brut e il Millesimato. Per ogni tracciato sono indicati gli alberghi, le strutture agrituristiche e i punti di ristoro attrezzati per ricevere i cicloturisti. Divertenti itinerari ciclabili di varia difficoltà si snodano per decine di chilometri anche fra i vigneti della Valtenesi e del Lugana, con stupendi scorci panoramici sul lago di Garda.

I mitici passi Tonale, Gavia e Mortirolo – Il leggendario Passo del Tonale è un punto di riferimento assoluto per gli appassionati di ciclismo. Sul confine tra il territorio bresciano e quello trentino, lo storico valico ha visto transitare molte edizioni del Giro d’Italia (quest’anno il passaggio è previsto mercoledì 25 maggio, tappa Ponte di Legno-Lavarone) ed è un piacere per gli occhi che si posano sul gruppo del Castellaccio, sul Monte Serodine e sulla Val Narcanello. Non meno famosa e mitica, la salita del Passo Gavia unisce la Valle Camonica alla Valtellina ed è anch’essa un importante pagina di storia della corsa rosa, fin dalla sua prima apparizione, nell’edizione del 1960. Quella del Gavia è una delle più avvincenti sfide ciclistiche: la salita tocca pendenze sino al 16% e dopo una serie di panoramici tornanti raggiunge la vertiginosa quota di 2.621 metri. Senza dimenticare ovviamente il durissimo Passo del Mortirolo, una delle salite più temute d’Europa, un tragitto faticoso ma estremamente attraente tra pascoli, baite e boschi di conifere che riporta alla mente le imprese di grandi campioni. Il Mortirolo, che non si tingeva di rosa dal 2017, sarà quest’anno protagonista del Giro d’Italia durante la 16ª tappa (Salò-Aprica), il programma martedì 24 maggio.

Bike Park Pontedilegno-Tonale – Mountain Bike, gravity e freeride: con oltre 500 km di percorsi tra Alta Valle Camonica e Alta Valle di Sole, il Bike Park Pontedilegno-Tonale offre un eterogeneo circuito di sentieri, strade forestali e mulattiere che si intrecciano in percorsi di varia difficoltà, dai 700 ai 2.600 metri di quota, attraverso boschi, alpeggi e paesaggi d’alta montagna. Tutti gli itinerari sono ben segnalati con frecce direzionali e sono mappati con traccia GPS. La cabinovia Pontedilegno-Tonale e le seggiovie Valbione (a Pontedilegno), Roccolo Ventura (a Temù) e Valbiolo (a Tonale) sono abilitate anche per il trasporto in quota delle mountain bike Lungo la linea Pontedilegno-Tonale, la rete di ricarica Zeus per biciclette elettriche è disponibile con 12 colonnine di ricarica e-bike interattive.

I percorsi per ciclisti della provincia di Brescia sono descritti sul sito www.visitbrescia.it, da cui si può scaricare anche una dettagliata guida tematica.